CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA

EVENTI E PRESENTAZIONI

29 aprile, Medicina (BO)

Cantamaggio 2017 – Canto da legare
dedicato a Franco Basaglia

 

sabato, 29 aprile 2017, ore 21.30

Parco delle Mondine

Medicina (BO)

Franco Rotelli
e Peppe Dell'Acqua saranno all'evento Cantamaggio a Medicina racconteranno la storia e la loro esperienze di deistituzionalizzazione del manicomio partendo dai loro 2 libri "L'istituzione Inventata" e "Non ho l'arma che uccide il leone".
Prima dell'incontro alle ore 21 avrà luogo la parata che da piazza Garibaldi arriverà al Magazzino Verde alla testa del corte Marco Cavallo trainato dai 100 ragazzi del Cantanmaggio!



L’istituzione inventata

Almanacco Trieste 1971–2010

a cura di Franco Rotelli

2005, pp. 328 illustrato a colori, € 24.00

ISBN 978-88-7223-268-2

Questo libro dispiega quel che un vasto gruppo di persone ha in parte fatto in parte tentato di fare, lavorando a Trieste dapprima con Franco Basaglia e poi per altri trent’anni dopo la sua morte.

Attorno alla questione dei manicomi e via via dei servizi che vennero allestiti per superarlo, cresce poi questa esperienza dentro il più generale sistema sanitario della città.
Tuttora viva e ampia la sua risonanza internazionale, si vuol qui fissarne una parte di memoria, convinti della sua attualità.
Nonostante volute e dovute pedanterie (su nomi ed episodi) e mai asettiche puntigliosità, piacerebbe immaginare che questa storia sia di qualche suggestione ai più giovani. Stimolo a intraprendere, voglia di creare collettivi di azione, capaci di dar senso a una vita, a tante vite attorno a quelle allusioni a “uguaglianza, libertà e fraternità” cui resta ancorato quanto qui ricordato.

Citato qui, Enzo Paci sottolineava (1968) con la matita rossa: “La contraddizione tra istituzioni chiuse e istituzioni aperte è forse la dialettica fondamentale della nostra epoca.”
www.istituzioneinventata.it


Peppe Dell’Acqua

Non ho l’arma che uccide il leone

Introduzione di Pier Aldo Rovatti
Euro 15,30 ca.; pp. 300 ca., illustrato
ISBN 978-88-7223-233-0


Un libro rivolto soprattutto alla gente comune, a coloro che vogliono ricordare, alle giovani generazioni.
“Beppe – scrive Franco Basaglia nell’inedita prefazione al libro – ha voluto raccontarci delle storie come le ha vissute da psichiatra che fortunatamente non capiva cosa volesse dire essere psichiatra”.

Da quelle storie prende vita una grande e unica testimonianza, mai sentita prima. Ed ecco che Non ho l’arma che uccide il leone diventa un classico che ha la fortuna di trovarsi nel posto giusto al momento giusto: quell’attimo fuggente e magico in cui viene scritto un pezzo di storia, dopo il quale niente sarà più come prima.

 

Archivio