CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA

NOTIZIE

I finalisti del Premio letterario internazionale Merano Europa

 

Concluso il lavoro di selezione e valutazione delle opere presentate al concorso Premio letterario internazionale Merano Europa organizzato dal Passirio Club in collaborazione con Alpha Beta Verlag e il Südtiroler Künstlerbund. Questi i nomi dei finalisti tra i quali verrà scelto il vincitore che sarà reso noto il 10 ottobre a Merano nel corso della premiazione al Teatro Puccini alle ore 18.

Per la sezione A della narrativa in italiano:
Rosaria PEPE – Lane Cove (Australia)
Francesca QUARTA – Bolzano
Fiorella BORIN – Venezia
 

Per la sezione B della narrativa in tedesco:
Lissy PERNTHALER – Caldaro
Eva Maria THÜNE – Firenze
Ingeborg RENNEBAUM – Düsseldorf (D)
 

Per la sezione C della traduzione dal tedesco:
Werner MENAPACE – Caldaro
Antonio STRAUDE – Heidelberg (D)
Eva Maria THÜNE – Firenze

 

Per la sezione D della traduzione dall’italiano:
Eva Maria THÜNE – Firenze
Werner REISINGER – Anif (A)
Werner MENAPACE - Caldaro


Le donne sono le dominatrici incontrastate di questa edizione numero undici del Premio Letterario divenuto da quest’anno totalmente bilingue. Nelle due sezioni della narrativa infatti solo nomi femminili con una presenza addirittura dall’Australia a dimostrazione della diffusione che il concorso ha raggiunto. Solo tra i traduttori si “affaccia” timidamente qualche rappresentante maschile. La sezione che ha visto la partecipazione più consistente è stata come sempre quella della narrativa italiana che ha raccolto 109 opere partecipanti. Di queste 13 sono state segnalate dalla giuria di selezione, alla giuria finale che ha indicato le tre finaliste e sceglierà la vincitrice. Confortante successo per le due nuove sezioni introdotte, quella della narrativa in tedesco e della traduzione dall’italiano al tedesco che pur non avendo raggiunto i numeri della narrativa italiana, hanno trovato diffusione nel mondo letterario tedescofono e in particolare in Austria e Germania.















 

Archivio