CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA

NOTIZIE

Premio letterario internazionale Merano Europa


Nasceva vent’anni fa il Premio letterario Merano-Europa di narrativa e poesia ideato da Michela Franco Celani, che nel 2013 arriva alla sua decima edizione. Molte le novità per l'edizione del ventennale tra le quali la collaborazione con Edizioni Alpha Beta Verlag e con il Lyrikpreis Meran. Revocato il primo premio della passata edizione.

Decima perché il concorso organizzato dal Passirio Club è a carattere biennale, ma in realtà sono vent'anni che il sodalizio culturale meratese organizza l'ambito concorso. “È uno sforzo organizzativo notevole - racconta il Presidente Gilberto Bardi – e per questo abbiamo scelto sin dall’inizio di proporlo ad anni alterni”.

L’edizione del 2013 sarà celebrativa e presenta diverse novità. “Si – conferma Bardi – volevamo fare qualcosa di speciale per celebrare questi vent’anni di attività e quindi abbiamo innanzitutto pensato alla pubblicazione di un volume che raccoglierà tutte le opere vincitrici della sezione narrativa delle varie edizioni. Per questo abbiamo cercato e trovato la collaborazione con Alpha Beta, un editore locale con il quale creare una sinergia attorno al nostro premio”.

Diverse le novità introdotte per la nuova edizione. Innanzitutto il termine di presentazione delle opere è stato spostato al 30 aprile 2013 dando agli autori più tempo per scrivere e presentare i loro lavori e passando dai 15 mila caratteri massimi dell’inedito da proporre, ai 35 mila. “Considerati i tempi di magra – aggiunge Bardi – abbiamo poi ridotto le sezioni a tre, rinunciando, almeno per questa volta, alla narrativa per ragazzi e all’opera teatrale. Oltre alla narrativa, ci saranno quindi la tanto apprezzata sezione della traduzione di una poesia tedesca e la sezione della poesia, che da inedita come è stato per il passato, diventa edita”.
La novità maggiore di questa edizione del ventennale è tuttavia la collaborazione con il Lyrikpreis Meran. “È con grande soddisfazione – commenta il presidente del sodalizio organizzatore – che abbiamo aperto questo nuovo canale con il professor Ferruccio Delle Cave e il premio di poesia in lingua tedesca, che si alterna con il nostro negli anni pari. Il nostro Premio sin dall’inizio ha voluto connotarsi, con la denominazione “Merano-Europa”, come un concorso che getta un ponte tra le culture e questo abbinamento ci rende particolarmente orgogliosi”.

La poesia con cui si dovranno cimentare i traduttori è un’opera del vincitore dell’edizione 2012 del Lyrikpreis Meran, Uwe Kolbe. Proponiamo “LUST, UMGANG, SPRACHE - Curriculum vitae für Marion Wartumjan. 7”.
Il bando del concorso è stato pubblicato in questi giorni e sarà a breve presente nel sito www.passirio.it con tutti i dettagli per la partecipazione.

Come tradizione vuole, il Passirio Club abbinerà uno spettacolo alla serata di premiazione che sarà il prossimo ottobre. Per questa occasione, una felice collaborazione con il Piccolo Teatro Città di Merano Mario Tartarotti, consentirà di presentare in prima assoluta la messa in scena dell’opera teatrale vincitrice dell’edizione 2011 dal titolo “Quello che le donne non possono non volere” di Maria Dell’Anno.
La giuria che sceglierà il vincitore sarà composta dal Presidente Ruggero Po, da Francesca Melandri, Federico Guiglia, Mariagrazia Mazzitelli, Aldo Mazza e Paolo Valente, che sarà anche il coordinatore della giuria di selezione composta da persone di varia estrazione del mondo culturale locale, tali da rappresentare uno spaccato il più rappresentativo possibile dei lettori.

A margine dell’edizione passata va segnalato che il primo premio per la sezione narrativa andato a “La corsa delle linci” di Daniela Raimondi, è stato revocato. “Purtroppo – informa ancora il Presidente Bardi – abbiamo scoperto a posteriori che il racconto, pur bello, era stato già presentato ad altri concorsi e aveva vinto, ma con un altro titolo. Questo lo rende incompatibile con la vittoria al Merano-Europa dove la partecipazione prevede che in assoluto l’opera debba essere inedita e non presentata ad altri concorsi fino alla premiazione del nostro. Siamo molto dispiaciuti per questo increscioso fatto (anche perché il racconto era davvero bello), ma abbiamo dovuto applicare il regolamento”. Il premio è stato di conseguenza assegnato al secondo classificato Fabrizio Tummolillo per il racconto “La superficie della pelle”.


Archivio