CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA

EVENTI E PRESENTAZIONI

1° febbraio, Milano



PRESENTAZIONE DEL LIBRO

giovedì, 1 febbraio 2018, ore 19.30

LibrOsteria

via C. Cesariano 7
Milano

 


Carlo Miccio

La trappola del fuorigioco

2017, 288 pp. | € 15,00 | ISBN 978-88-7223-279-8
 

con l'autore Carlo Miccio
Paola Grifo, Giorgio Terruzzi, Paolo e Pierpaolo Casarin.

 

Giugno 1975: la travolgente avanzata elettorale del PCI di Berlinguer minaccia di sconvolgere l’ordine politico e sociale dell’intero paese. Per Sebastiano La Rosa, 40 anni e una diagnosi di Depressione Bipolare Schizoaffettiva, si profila il peggiore degli incubi: un paese in mano a barbari che bruciano chiese e sequestrano case. Una paura capace di spingerlo nel baratro psicotico sotto gli occhi di suo figlio Marcello, dieci anni, che la realtà la decifra solo attraverso il gioco del calcio. E che al significato della parola comunismo, e al senso vero delle paure di suo padre, ci arriverà scoprendo le meraviglie del calcio totale: un modulo perfetto praticato dalla nazionale olandese sotto la guida del suo rivoluzionario condottiero, il compagno Johan Cruyff.

'Il titolo [...] evoca la trappola che può essere l'irrompere, nell'esistenza di ognuno, del disturbo psichico. Così. Ex abrupto. Oggi sei uno normale, il giorno dopo sragioni. Può succedere. La trappola può essere pure l'essere preso nelle maglie della psichiatria, quella repressiva, quella che non cura ma controlla, e finire in uno dei vari, diversi manicomi di cui la psichiatria s'è dotata, manicomi fisici fatti di luoghi, manicomi chimici fatti di diagnosi e farmaci.
Il fuorigioco invece può significare uscire (per dirla con Eraclito) dal mondo comune di chi è sveglio (il koinos kosmos) per ripiegarsi nel mondo proprio di chi dorme, e sogna, e delira (l'idios kosmos). Il fuorigioco è questa dimensione di estrema introflessione che sempre caratterizza il disturbo psichico grave. Fuorigioco è, anche, uscire dalla società dei normali e entrare nella società dei devianti, e nei luoghi a parte dedicati ai devianti.'*

* Piero Cipriano su A - rivista anarchica - http://www.arivista.org/?nr=420&pag=83.htm

Archivio