CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA

EVENTI E PRESENTAZIONI

14 febbraio, Trieste

 

giovedì, 14 febbario 2013, ore 17.30
Auditorium del Museo Revoltella

via Diaz 27

Trieste

 

La Conferenza Permanente per la Salute Mentale nel Mondo Franco Basaglia e

il Comune di Trieste – Assessorato Educazione, Scuola e Università e Ricerca
presentano il libro


Izabel Marin, Silva Bon
Guarire si può
Persone e disturbo mentale

 

Alla presenza delle autrici


Introduce
Antonella Grim, Assessore all’Educazione, Scuola e Università e Ricerca del Comune di Trieste

Ne parlano
Gianna Milano, scrittrice e giornalista scientifico
Don Mario Vatta, Comunità di San Martino al Campo di Trieste
Roberto Mezzina, Centro Collaboratore OMS di Trieste

Modera
Nico Pitrelli, SISSA - Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati di Trieste

 

Le persone con esperienza hanno qualcosa da dire.

 

Guarire si può si iscrive in un filone di interesse internazionale, non solo italiano, che è quello, del tema della recovery, della ripresa, della rimonta, del farcela. Una storia che rimanda alle radici del lavoro di Franco Basaglia quando a Gorizia e Trieste comincia a sperimentare la restituzione di identità di diritti di protagonismo. Oggi il concetto di recovery attraversa culture e pratiche della salute mentale e rappresenta certamente la sfida più grande all'ideologia medica, nel momento in cui sottolinea la possibilità della guarigione e il ruolo attivo della persona. Frutto di una riflessione individuale e collettiva, il libro conclude il lavoro di una ricerca diretta da Roberto Mezzina e condotta dal DSM di Trieste, insieme a gruppi di ricerca svedesi, norvegesi, americani, raccontando e riflettendo su quanto oggi ci permette di essere ottimisti. Malgrado tutto. È la prima volta che in maniera sistematica le persone che vivono e/o hanno vissuto l'esperienza del disturbo mentale si raccontano e riflettono sul come è (stato) possibile farcela, rimontare, guarire.
Un libro per tutti. Da leggere tutto d'un fiato.



Archivio