CATALOGO
AUTORI
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W Z
NEWSLETTER
Email:
INVIA ANNULLA

EVENTI E PRESENTAZIONI

25 maggio, Cava de' Tirreni (SA)

Cava de' Tirreni (SA)

MART Mediateca arte eventi

Corso Umberto I 137
venerdì, 25 maggio 2012, ore 18.30

 

PRESENTAZIONE DEL LIBRO E DELLA COLLANA

 

E. Bucaccio, K. Colja, A. Sermoneta, M. Turco
C’era una volta la città dei matti
Un film di Marco Turco – dal soggetto alla sceneggiatura

con DVD del film TV originale prodotto da RAI Fiction
Edizione e note a cura di Barbara Grubissa

 

con Peppe Dell'Acqua e Fabrizio Gifuni

coordina Francesco G. Forte

 

Il libro ripercorre la lavorazione del film tv C’era una volta la città dei matti, trasmesso nel 2010 da RAI UNO con un grande, e per certi versi sorprendente, successo di ascolti.
Un’appassionata narrazione delle storie individuali di pazienti, amministratori, operatori, un grande racconto collettivo che vede sulla scena più di cento personaggi
A partire dalla difficile e impensabile apertura delle porte del manicomio di Gorizia e di Trieste, viene narrata l’origine di un cambiamento epocale nel modo stesso di intendere la salute mentale che ancora oggi provoca e fa discutere.

Il libro di uno dei più grandi successi TV del 2010.
Tutti i retroscena, dall’idea alla sua realizzazione e infine, allegato in DVD

su licenza esclusiva Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A

 

PRESENTAZIONE
La Collana 180 nasce come iniziativa editoriale che ha l’intenzione di rafforzare, stimolare e provocare il desiderio del cambiamento, allontanando la smemoratezza che rischia di appiattire e cancellare dal presente ogni traccia del passato profondo. Lo deve soprattutto ai giovani. Troppe voci tacciono. Coscienze morte. La follia rischia sempre più spesso di essere associata alla pericolosità.
La presentazione a Torino della Collana 180 si arricchisce delle parole e dello sguardo dello psichiatra e psicoterapeuta svizzero Luc Ciompi che, dal Policlinico dell’Università di Berna, non ha mai smesso di osservare con intelligenza e attenzione alla fatica del rinnovamento italiano.
 

 

Archivio